Sconto in fattura, solo sopra i 200 mila euro per parti comuni dei condomini

Resta lo sconto in fattura ma soltanto per le ristrutturazioni importanti sopra i 200 mila euro per le parti comuni degli edifici condominiali. Con un nuovo emendamento del Governo all’articolo 10 del Decreto Crescita approvato ieri in Commissione Bilancio, il meccanismo dello sconto in fattura subisce un’ulteriore rimodulazione rispetto all’emendamento soppressivo che aveva avuto il via libera proprio di recente.

La norma, nella sua versione iniziale, consentiva al soggetto beneficiario delle detrazioni per l’efficientamento energetico e per la riduzione del rischio sismico, in luogo dell’utilizzo diretto delle stesse, di optare per un contributo di pari ammontare, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e a quest’ultimo rimborsato sotto forma di credito d’imposta da utilizzare esclusivamente in compensazione in cinque quote annuali di pari importo.

Un meccanismo, dunque fortemente penalizzante per le piccole imprese e a forte rischio distorsivo della concorrenza, di cui ANAEPA-Confartigianato Edilizia da subito aveva evidenziato le criticità chiedendone la cancellazione.

Dopo l’approvazione di un primo emendamento che aveva abrogato la misura come richiesto da diverse Associazioni di settore, ora con il nuovo emendamento lo sconto in fattura riguarderà gli interventi di ristrutturazione importanti di primo livello, per le parti comuni degli edifici condominiali, di importo superiore a 200 mila euro. La disposizione entrerà in vigore dal 1° gennaio 2020.

Le ristrutturazioni importanti di primo livello, come si ricorderà, sono costituite da interventi che interessano l’involucro edilizio con un’incidenza superiore al 50% della superficie disperdente lorda e comportano il rifacimento dell’impianto termico per la climatizzazione invernale e/o estiva.

Nei mesi scorsi, contro lo sconto in fattura si era anche pronunciata, con due interventi, l’Autorità Antitrust, e pochi giorni fa la Commissione Industria del Senato ha approvato una risoluzione che impegna il Governo a individuare adeguati meccanismi di protezione per le piccole e medie imprese. Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confartigianato, con l’applicazione dello sconto in fattura in 5 anni le piccole imprese del ‘sistema casa’ (costruzioni, installazione impianti, serramenti) registreranno riduzioni dal 37% al 58% del fatturato sul segmento interessato dalle detrazioni fiscali per riqualificazione energetica.

 

FONTE ANAEPA.IT